MOLVINA RONCHI DI BRESCIA ROSSO

IDENTIFICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA (IGP)
Protected Geographical Identification (PGI)

Vino rosso intenso con riflessi rubino.
Il sapore è ampio, con un bouquet elaborato, dominato da frutti di bosco e sfumature di ciliegia.
Il gusto è elegante, con note di prugna, tannini vellutati e sentori di mora matura. Il lento invecchiamento conferisce a questo vino un aroma inconfondibile, il profumo è persistente, ha risalti di rovere tostato, con prolungato retrogusto di vaniglia, tabacco e frutti di bacca rossa.
Image module

Molvina Ronchi di Brescia Rosso IGP 2014

IMBOTTIGIAMENTO 2018

Solo 12,000 bottiglie all’anno

NOTE DAI VITICOLTORI:

” Il 2014 è stata un’annata alquanto imprevedibile dal punto di vista meteorologico, con un’anomala alternanza di pioggia e sole.

Grazie al riparo che ci offrono le Prealpi lombarde, alla particolare conformazione del terreno ed ai caldi e soleggiati ultimi mesi della maturazione, anche quest’anno abbiamo raccolto uve di ottima qualità che ci hanno permesso di ottenere un pregiato vino che sviluppa aromi raffinati e sensazioni uniche.”

Michele Torri

VITIGNI:

L’uvaggio e’ composto da quattro vitigni, Barbera, Marzemino, Schiava Gentile e Sangiovese, in percentuale variabile, ma con costante prevalenza dei primi due vitigni.

Forma dell’allevamento: a guyot.

CLASSIFICAZIONE:

Indicazione Geografica Protetta IGP (Protected Geographical Identification PGI)

Dopo un mite e piovoso inverno dove in rarissimi casi le temperature sono scese al di sotto dello zero termico segue una primavera con giornate calde e soleggiate. Queste condizioni hanno favorito un germogliamento anticipato di un paio di settimane rispetto al solito calendario. Con l’arrivo dell’estate sopraggiungono però anche venti umidi di scirocco con perturbazioni e piogge per tutto il mese di luglio e per la prima metà di agosto. L’invaiatura (cambio di colore dei frutti) e la maturazione sembrano ritardare di un paio di settimane.  La situazione meteo va via via sempre migliorando, con settembre e ottobre caldi e soleggiati, permettendo alle uve una giusta maturazione ed un graduale e costante processo di accumulo, necessario per ottenere un prodotto dall’elevato livello qualitativo. I grappoli, asciutti e perfettamente maturi sono pronti per essere vendemmiati.

E’ un vino do colore rosso rubino intenso con riflessi granati. Il sapiente invecchiamento gli conferisce un bouquet intenso, unico ed inconfondibile. Il profumo è piacevole, con sentori di  vaniglia, tabacco, mora e frutti a bacca rossa maturi. Rotondo, morbido, di struttura vellutata ed armoniosamente bilanciato.

Ha una gradazione alcolica di 14.5 gradi.

Molvina Vino e le sue quattro Ss, secondo l’esperto internazionale di degustazione di vini:

Seeing (Vista): Rosso Intenso e Ricco, Chiaro, Toni Violacei

Swirlling (Rotazione): Denso, Ricco, Elegante

Smelling (Olfatto): Rovere, Tannini, Ricco, Frutta Rossa

Sipping (Sorseggio): Ampio, Morbido, Rotondo, Rovere, Prugna, Ribes Rosso, Cacao, Fruttato, Tannico, Liscio, Tabacco, Vaniglia, Bilanciato, Raffinato.

Va servito at a temperatura compresa tra i 18 ei 20 gradi, meglio usando un bicchiere tulipano grande per l’esaltazione dei profumi. E’ importante arpeire la bottiglia almeno due ore prima del consumo.

Particolarmente adatto ad accompagnare gli arrosti di selvaggina, tutti i tipi di carne rossa, grigliate e salumi. Ottimo l’abbinamento a formaggi stagionati.

Località Molvina, Brescia, Regione Lombardia, Italia settentrionale. Viene prodotto in una zona collinare nelle Prealpi Lombarde particolarmente protetta dalle fredde correnti nordiche dove si sviluppa un microclima favorevole. Le uve crescono ad un’altezza compresa tra i 400 ei 600 metri sul livello del mare in vigneti con rese per ettaro di circa 70/80 quintali di uva.

TERRENI

I terreni sono composti da “Marna”, ben drenato e senza ristagno di umidita. La favorevole posizione dona alle nostre uve la massima esposizione solare, dall’alba al tramonto, ottenendo così caratteristiche particolari uniche.

 

Vinificazione e maturazione

La vendemmia tardiva delle uve avviene solitamente dopo la seconda metà di ottobre, i grappoli vengono raccolti, selezionati a mano e riposti in cassette di 5 kg ciascuna. L’uva riposa poi per circa un mese in fruttiere per ottenere il giusto appassimento. Segue il processo di pigiatura ed i mosti vanno messi per tre settimane in fermentini verticali di acciaio a temperatura controllata. Terminato il processo di fermentazione si separa il vino dalla parte solida e lo si lascia riposare per un anno in cantina dentro vasche sotterranee, evitando così anche i più piccoli sbalzi termici. La successiva fase prevede la selezione dei migliori cru per ottenere così un vino dalle elevate ed omogenee qualità. Giunge il momento per l’invecchiamento ed affinamento in botti di rovere di Slavonia dove il vino riposa per un periodo che varia dai 30 ai 40 mesi.

L’imbottigliamento verrà poi effettuato sotto pressione ad azoto e le bottiglie sigillate sottovuoto. Segue infine un ulteriore affinamento in bottiglia per 4 / 6 mesi prima della commercializzazione.

 

Enologo

Il signor Massimo Gigola.

 

BOTTIGLIA

Bourgogne Authentique.

Buy from Amazon UK
Buy from Amazon IT
Buy from Agrumia
Image module

Molvina Ronchi di Brescia Rosso IGP Gold 2012

IMBOTTIGIAMENTO 2017

Solo 9,000 bottiglie all’anno

NOTE DAI VITICOLTORI:

“Il 2012 è stato condizionato soprattutto dalla secca e caldissima estate. Fortunatamente le vicine sorgenti creano un microclima che difficilmente portano ad un’esasperazione di aridità nel terreno e nell’aria della zona di Molvina. Alla completa maturazione delle uve, i frutti apparivano tuttavia “più leggeri” degli altri anni, questo perché avevano al loro interno una minor quantità di acqua, ma l’elevata concentrazione di zuccheri ed una lunga maturazione in cantina ci ha permesso di poter ottenere un egregio vino maturo e strutturato.”

Renato Torri

VITIGNI:

L’uvaggio e’ composto da quattro vitigni, Barbera, Marzemino, Schiava Gentile e Sangiovese, in percentuale variabile, ma con costante prevalenza dei primi due vitigni.

Forma dell’allevamento: a guyot.

CLASSIFICAZIONE:

Indicazione Geografica Protetta IGP (Protected Geographical Identification PGI)

L’andamento climatico ha condizionato tutte le fasi vegetative del nostro vigneto. Si parte con un inverno molto freddo, poi segue una primavera con frequenti piogge che hanno aumentato la dotazione idrica nel terreno divenuta fondamentale durante la lunga estate secca e molto calda.

A luglio le temperature sono già molto elevate, ma è nella seconda metà di agosto che hanno raggiunto il picco massimo (con massime di 38 °C).  Fioritura, allegagione (passagio da fioritura a frutto) ed invaiatura (fase della maturazione in cui i frutti cambiano colore) sono avvenute secondo un calendario normale. Il carattere distintivo dell’annata è stata la siccità estiva, che ha da una parte compromesso le produzioni sul fronte della quantità, ma dall’altra la qualità attesa delle uve risulta essere ottima per fornire vini ben strutturati che si prestano egregiamente all’invecchiamento.

E’ un vino rosso rubino intenso con riflessi granati. Il sapore e’ ampio e leggermente affumicato. L’invecchiamento dona a questo vino un bouquet intenso e lussuoso, il profumo è persistente con sentori di vaniglia, tabacco, prugna, ciliegia e frutti a bacca rossa. Vellutato sul palato, rotondo, perfettamente strutturato e bilanciato, con note di frutta matura. Ha una gradazione alcolica di 15 gradi.

Molvina Vino e le sue quattro Ss, secondo l’esperto internazionale di degustazione di vini:

Seeing (Vista): Rosso rubino profondo

Swirlling (Rotazione):  Denso, Ricco, Vellutato, Elegante

Smelling (Olfatto): Rovere, Tannini, Ricco, Frutta Rossa, Ciliegia, Affumicato.

Sipping (Sorseggio): Ampio, Rotondo, Ciliegia, Mora, Cacao, Tannico, Tabacco, Cannella, Vaniglia, Retrogusto Raffinato Persistente, Ricco.

Va servito at a temperatura compresa tra i 18 ei 20 gradi, meglio usando un bicchiere tulipano grande per l’esaltazione dei profumi. E’ importante arpeire la bottiglia almeno due ore prima del consumo.

Particolarmente adatto ad accompagnare gli arrosti di selvaggina, tutti i tipi di carne rossa, grigliate e salumi. Ottimo l’abbinamento a formaggi stagionati.

Località Molvina, Brescia, Regione Lombardia, Italia settentrionale. Viene prodotto in una zona collinare nelle Prealpi Lombarde particolarmente protetta dalle fredde correnti nordiche dove si sviluppa un microclima favorevole. Le uve crescono ad un’altezza compresa tra i 400 ei 600 metri sul livello del mare in vigneti con rese per ettaro di circa 70/80 quintali di uva.

TERRENI

I terreni sono composti da “Marna”, ben drenato e senza ristagno di umidita. La favorevole posizione dona alle nostre uve la massima esposizione solare, dall’alba al tramonto, ottenendo così caratteristiche particolari uniche.

 

Vinificazione e maturazione

La vendemmia tardiva delle uve avviene solitamente dopo la seconda metà di ottobre, i grappoli vengono raccolti, selezionati a mano e riposti in cassette di 5 kg ciascuna. L’uva riposa poi per circa un mese in fruttiere per ottenere il giusto appassimento. Segue il processo di pigiatura ed i mosti vanno messi per tre settimane in fermentini verticali di acciaio a temperatura controllata. Terminato il processo di fermentazione si separa il vino dalla parte solida e lo si lascia riposare per un anno in cantina dentro vasche sotterranee, evitando così anche i più piccoli sbalzi termici. La successiva fase prevede la selezione dei migliori cru per ottenere così un vino dalle elevate ed omogenee qualità. Giunge il momento per l’invecchiamento ed affinamento in botti di rovere di Slavonia dove il vino riposa per un periodo che varia dai 40 ai 50 mesi.

L’imbottigliamento verrà poi effettuato sotto pressione ad azoto e le bottiglie sigillate sottovuoto. Segue infine un ulteriore affinamento in bottiglia per 6 / 8 mesi prima della commercializzazione.

 

Enologo

Il signor Massimo Gigola.

 

BOTTIGLIA

Bourgogne Authentique GOLD.

Buy from Amazon UK
Buy from Amazon IT
Buy from Agrumia
Image module
Image module

I ostér i sa mai se fa ‘l vì o schisà l’ua.

Gli osti non sanno mai se fare il vino o pigiare l’uva.